CaffeNero | Il Cannocchiale blog
.

  CaffeNero [ Meta blog delle Destre e non solo... ]
         









NOTE LEGALI. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio
che provvederà alla loro pronta rimozione."


Blog\Autori;

Politiche Giovanili:

- kinasafronte
 
www.Made_in_Italy.ilcannocchiale.it

- Simone 
www.simoneinarcadia.altervista.org

Controstoria e Revisionismo:

- Pike

- Caposkaw

Politica Attuale:

- mauromauro



Blog aderenti:

www.colognoinazione.ilcannocchiale.it 
www.forza_e_onore.ilcannocchiale.it
www.ercolinamilanesi.com




28 aprile 2008

GIANNI ALEMANNO,L'OTTAVO RE DI ROMA

 

Il candidato del Pdl a sindaco di Roma Gianni Alemanno è in vantaggio sul suo avversario, il candidato del centrosinistra Francesco Rutelli, nel ballottaggio per le elezioni comunali della Capitale. Nel dettaglio, 2.463 sezioni su 2.600, Alemanno è al 53,5%, mentre Rutelli è al 46,5%.

Orma il il destino di "cicciobello" Rutelli è segnato.

Ha vinto la politica dei fatti contro la politica degli effetti speciali.

Ha vinto la politica fatta per strada, tra la gente, contro la politica fatta con i big del cinema, fatta nei salotti, nei talk show. 

Ha vinto un genuino post missino, che dichiara la sua passata militanza, e non ha mai negato di portare al collo la croce celtica, contro il sofisticato  ex mangiapreti divenuto topo da sagrestia per convenienza.

Ha vinto la gente normale, mentre ha perso una certo culturame chic, che non ha più contatti con il  paese reale.
 
Ha perso un certo culturame chic che non si interroga sulle condizioni degli immigrati e della difficile convivenza , ma sproloquia di accoglienza - senza se e senza ma - senza considerare, che quando non ci sono le condizioni per una convivenza serena è meglio non concederla, l'accoglienza . 

Viene contestato a Alemanno di avere incentrato la sua campagna elettorale quasi esclusivamente sul tema della sicurezza.

Ma negli attici dei quartieri bene dove vive il culturame chic  , il rumore delle sirene della Polizia , le grida dei balordi che quotidianamente trasformano le nostre città in suk mediorientali, non arrivano.

Ha vinto Gianni Alemanno : uno di noi

Pike e Kina




28 aprile 2008

LE MAIL DENIGRATORIE SU ALEMANNO METTONO NEI GUAI LA BINDI

 

27 apr. - Una mail diffamatoria nei confronti del candidadto sindaco del Pdl Gianni Alemanno, è stata inviata giovedì notte ai cittadini romani dall'abitazione dell'attuale Ministro Rosy Bindi da un collaboratore dell'ufficio stampa del ministero della Famiglia. E si è scatentata la polemica.

bindi_280x200.jpgIl primo ad intervenire è Maurizio Gasparri: 'Il ministro Bindi chieda scusa. E' davvero sconcertante come diretti collaboratori di un ministro ancora in carica si dedichino a operazioni di diffamazione nei confronti di Gianni Alemanno. Queste persone non se la possono cavare con semplici dimissioni, dal momento che sono stati gli stessi elettori, il 13 e 14 aprile, a decretarne il licenziamento''.

''Rosi Bindi, che e' nota per la sua faziosita', dovrebbe chiedere scusa pubblicamente - ha concluso Gasparri - per aver assoldato dei collaboratori che non hanno esitato a compiere azioni sleali e denigratorie''.

A cui segue Pietro Di Paolo, consigliere regionale del Lazio di An. : "Prendo atto del rammarico espresso dalla dottoressa Chiara Rinaldini portavoce di Rosi Bindi e titolare della email intestataria della propaganda trash in favore di Francesco Rutelli diffusa giovedi' notte fra decine di cittadini romani".

Continuo a rimanere perplesso - continua Di Paolo - rispetto alla ricostruzione dei fatti proposta dalla Rinaldini: se ben capisco un membro dell'ufficio stampa di Rosi Bindi avrebbe deciso notte tempo di spedire da casa sua le email incriminate, 'falsificando l'identita' del mittente'''.

"Le domande piu' semplici che mi vengono in mente sono: perche' mai avrebbe dovuto farlo - aggiunge Di Paolo - e per quale motivo un giornalista che lavora all'ufficio stampa di un ministro, amico di Rutelli, dovrebbe compiere un'operazione cosi' macchinosa, potendo liberamente usare la propria email?".

"E' un ipotesi - conclude Di Paolo - che non sta in piedi neppure come espediente narrativo e che, comunque, chiederemo di vagliare a chi di dovere. Resta il fatto che persone vicine a un ministro della Repubblica hanno deliberatamente tentato di gettare fango sulla campagna elettorale, lasciando addirittura intendere una regia occulta del centrodestra dietro un gravissimo fatto di cronaca nera. Si tratta di un modo ripugnante di concepire la lotta politica, tanto piu' grave se si pensa all'evidente assurdita' delle tesi sostenute".

Nel frattempo il parlamentare del Pd, Renzo Lusetti, interviene in merito alle dichiarazioni del portavoce di An, Andrea Ronchi, sull'emergenza sicurezza a Roma dopo lo stupro commesso ieri notte ai danni di una donna bosniaca sono un "caso vergognoso di sciacallaggio a orologeria con l'evidente intenzione di influenzare il regolare svolgimento del voto per il ballottaggio" in corso nella capitale.  "Mentre la magistratura e' al lavoro per chiarire i lati oscuri nella dinamica con cui e' stata resa nota con 3 giorni di ritardo l'aggressione della Storta, la destra si avventa su un grave episodio di cronaca, cercando di strumentalizzarlo nel bel mezzo delle operazioni di voto. Chiediamo l'immediato intervento delle autorita' di garanzia -conclude Lusetti- per impedire che il vergognoso sciacallaggio a orologeria di An trovi spazio con la conseguenza di rompere il silenzio elettorale previsto dalle leggi".

a cui subito replica Andrea Augello, senatore del Popolo della Liberta' e coordinatore della campagna elettorale del candidato sindaco di Roma del Pdl Gianni Alemanno: "Se Lusetti cerca degli sciacalli, dia un' occhiata agli uffici stampa dei ministri del suo partito".  "Lo sciacallo e' un animale notturno - continua Augello - che traffica con carcasse e rifiuti, proprio come quei gentiluomini che in questi giorni si sono divertiti a inventare oscuri mandanti politici per i fatti della stazione La Storta. Quanto ai nuovi fatti di violenza che si registrano oggi a Roma, e' ridicolo pensare che esprimere una censura sia una speculazione elettorale: i romani non hanno alcun bisogno di nuovi episodi di violenza o di commenti politici per comprendere la grave emergenza che attraversa la citta'".

Articolo segnalato da MAUROMAURO


( per gentile concessione di clandestinoweb )




permalink | inviato da Pike il 28/4/2008 alle 10:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (44) | Versione per la stampa



28 aprile 2008

XXVIII

NEL BENE E NEL MALE;
 
GRAZIE DI TUTTO

kinasafronte




permalink | inviato da kinasafronte il 28/4/2008 alle 7:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa



26 aprile 2008

GIANNI ALEMANNO PER IL BENE DI ROMA E DEI ROMANI


 

Potrei spendere milioni di parole per elencare i pregi di Gianni Alemanno, un politico, ma soprattutto una persona, che sa e che vive con il popolo Romano.
Che a giacca e cravatta preferisce un abito casual, che agli interessi privati preferisce quelli collettivi. L'unico con la volontà di trasformare Roma in una grande città e non in un borgo medioevale che gli hanno dipinto i "baroni rossi" da 15 anni a questa parte. Una città che ha aperto le porte al degrado e alla violenza, una città incapace di rispondere alla criminalità. Roma, per la sua storia, non merita questa situazione.

Per chi ne volesse sapere di più:
 

Gianni Alemanno, 50 anni, è sposato e ha un figlio di 13 anni. Laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio, è iscritto all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma. Giornalista pubblicista, ha fondato il mensile “Area” ed ha pubblicato il libro “Intervista sulla destra sociale” (Marsilio, 2002).

Dal 2006 è Presidente della Fondazione Nuova Italia, da anni attiva nel campo dell’elaborazione culturale e dell’iniziativa sociale, ed è socio e membro del consiglio generale dell’Aspen Institut Italia.

Nel corso degli anni, il suo impegno nella società civile ha contribuito a promuovere numerose iniziative non profit operanti in campo sociale, culturale ed ambientale, tra cui l’“Associazione culturale di Area”, il gruppo ambientalista “Fare Verde”, l’Ong per la cooperazione internazionale “Movimento comunità”, l’associazione di volontariato “Modavi”. È socio onorario della Fondazione Kadima World Italia.

Ha iniziato la sua attività politica nelle scuole romane, diventando nel 1982 Segretario provinciale del Fronte della Gioventù di Roma e poi nel 1988, dopo Gianfranco Fini, Segretario nazionale dell’organizzazione giovanile dell’Msi.

È componente della Direzione e dell’Esecutivo politico di Alleanza Nazionale dalla fondazione del partito. Oggi fa parte del Comitato direttivo del Popolo della Libertà. Nel 1990 viene eletto nel Consiglio regionale del Lazio. Nel 1994 viene eletto deputato di Roma, per essere riconfermato nel 1996, nel 2001 e nel 2006. Alla Camera dei Deputati è stato componente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici, della Commissione Lavoro Pubblico e Privato e della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione.

Dal 2001 al 2006 è stato Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del Governo Berlusconi. Durante il Semestre di Presidenza italiana del 2003 è stato Presidente del Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura dell’Unione europea.

Nel 2006 è stato eletto nel Consiglio Comunale di Roma.

Appassionato di alpinismo è iscritto al Club alpino italiano nelle sezioni di Roma e dell’Aquila; nel 2004 è stato Capo spedizione onorario nella scalata del K2 per il cinquantenario della conquista italiana della seconda vetta del mondo.


Che dire del suo avversario politico Rutelli? LA CONDANNA DEFINITIVA CHE HA SUBITO PER L'EVAPORAZIONE DI UN MILIARDO DI LIRE... (sentenza n.1379) parla da sè....


Kinasafronte




permalink | inviato da kinasafronte il 26/4/2008 alle 23:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (48) | Versione per la stampa



26 aprile 2008

ALBERTO TERRACINI,EBREO E PARTIGIANO GARIBALDINO FISCHIATO DA FINTI PARTIGIANI

 
IL 25 APRILE CHE NON CI PIACE, LA FIERA DELL'ODIO E DELL'INTOLLERANZA.

25 aprile: la sinistra "democratica" fischia e insulta i superstiti ebrei dei lager 

Dopo un anno da questa foto i fischi ad altri partigiani, non capiscono che la gente ne ha le scatole piene di loro e che loro sono i nuovi nazisti da cui bisogna liberarsi.


 Fischi e frasi contro Israele al corteo organizzato dall'Anpi per le celebrazione del 25 aprile partito da Porta San Paolo e arrivato a Piazza del Campidoglio. I fratelli Piero e Alberto Terracina, sopravvissuti dei lager nazisti, sono stati fischiati da alcune persone. Alcuni giovani hanno indirizzato frasi come «voi siete gli invasori della Palestina vergognatevi» ai manifestanti che sventolavano bandiere con la stella di Davide e lo striscione della brigata ebrea partigiana.

«Chi provoca ci può essere sempre - ha detto Piero Terracina - soprattutto in una manifestazione, ma per fortuna non è successo niente e questa è la cosa più importante. C'è stato un autocontrollo straordinario. Qualcuno ha voluto dire quelle frasi offensive ma va bene così». Terracina ha parlato di «episodi contenuti» definendo «una cosa ricorrente» le frasi contro Israele e gli ebrei.

Il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo a conclusione del corteo ha detto: «Non si fischiano uomini come Piero e Alberto. La Comunità ebraica di Roma fa parte della nostra storia». Alla manifestazione secondo gli organizzatori hanno partecipato 40mila persone. Nel corteo anche il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani e quello della Cisl Raffaele Bonanni.

(PER GENTILE CONCESSIONE DI LIBERALIPERISRAELE.ILCANNOCCHIALE.IT)




permalink | inviato da Pike il 26/4/2008 alle 18:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7  >>   maggio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom